Active Campaign: la guida fondamentale per chi inizia con l’email marketing

97,00

ACTIVE CAMPAIGN: LA GUIDA FONDAMENTALE PER CHI INIZIA CON L’EMAIL MARKETING – Impara a configurare al meglio la piattaforma Active Campaign e sfruttala alla massima potenza per comunicare con TUTTO il tuo pubblico grazie ai suggerimenti del rivenditore italiano numero 1


ACTIVE CAMPAIGN: LA GUIDA FONDAMENTALE PER CHI INIZIA CON L’EMAIL MARKETING – Impara a configurare al meglio la piattaforma Active Campaign e sfruttala alla massima potenza per comunicare con TUTTO il tuo pubblico grazie ai suggerimenti del rivenditore italiano numero 1

Presentazione corso:

Vale la pena utilizzare ancora il canale di email marketing per comunicare con i tuoi utenti?

Nel 2020, quando ormai si utilizzano i social network, da Instagram a Facebook e il motto di questi anni è “un video al giorno”, ovvero utilizzare la piattaforma di video per comunicare con gli utenti che ti interessa a raggiungere?

Beh, a mio avviso, la piattaforma di email marketing converte ancora moltissimo, è ancora molto utilizzata e se utilizzata bene porta grandi risultati. Il problema principale di questa piattaforma è il fatto che moltissimi l’hanna utilizzata in maniera impropria, mandando comunicazioni sul Viagra o mandando comunicazioni massive che non interessavano gli utenti.

In verità oggi abbiamo modo di segmentare gli utenti, di mandargli solo comunicazioni che gli interessano, senza contare che uno dei grandi pregi della piattaforma di email marketing è che, una volta che tu hai acquisito il cliente, ovvero hai ottenuto il suo indirizzo mail e il consenso per utilizzarlo, potrai scrivergli gratuitamente, escluso ovviamente il canone della piattaforma che utilizzi per scrivere all’utente stesso.

Mentre con un canale social, per esempio, anche se l’utente fa like sulla tua pagina o si iscrive al tuo gruppo, è molto difficile andare ad erogare un messaggio che lo raggiunga, quasi impossibile mandare un messaggio ben targettizzato (ovvero che contenga gli argomenti che all’utente effettivamente interessano).

Infatti un argomento che tu mandi all’interno del tuo feed raggiunge tutti gli utenti che ti seguono (questo in teoria) senza distinzione fra chi è interessato o meno a quello che stai dicendo. D’altro lato è anche un fatto che Facebook non ti permette più ormai da diverso tempo, da diversi anni, di comunicare con TUTTI gli utenti che ti stanno seguendo. Sembra scontato che un utente che ti segue vuole ricevere le tue comunicazioni, ma non è così.

Facebook ti dice: “ok, se vuoi raggiungere la tua base utenti che è di 1.000 utenti mi paghi in maniera che io possa fargli vedere tutto. Se tu non mi paghi ti faccio vedere a una percentuale dei tuoi utenti“, percentuale che si è abbassata nel corso degli anni, tanto che oggi è praticamente inutile utilizzare Facebook in modalità organica (ovvero senza pagare).

È indispensabile stabilire dei budget per poter comunicare con le persone che ti seguono, anche se sembra assurdo è così che funziona Facebook (ma in generale qualsiasi social network, chi più chi meno).

Il canale email, una volta che hai ottenuto la mail dell’utente, potrai invece scrivergli tutte le volte che vuoi, ovviamente stando attento a mandare un messaggio in linea con quello che l’utente si immagina che tu gli manderai, quindi messaggi interessanti, messaggi che contengono del valore per chi ti sta leggendo.

In questo videocorso di Active Campaign non soltanto andremo a vedere la piattaforma in maniera tecnica (quindi come utilizzare Active Campaign all’interno delle tue strategie di email marketing, ma più in generale nelle tue strategie di comunicazione on-line) ma imparerai anche come utilizzarlo in maniera sensata, al meglio, dal punto di vista strategico, in maniera da non commettere errori che poi vanno a minare il funzionamento della piattaforma.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Active Campaign: la guida fondamentale per chi inizia con l’email marketing”