La vertigine di scoprirsi Dio

16,31

LA VERTIGINE DI SCOPRIRSI DIO – Uno studio rigoroso e appassionato sul divino e sul ruolo che esso ha nella vita di ogni singola persona. La ricerca è dentro di noi, siamo il contenitore e il contenuto, l’artista e l’opera d’arte, Dio e il bisogno del divino.


LA VERTIGINE DI SCOPRIRSI DIO – Uno studio rigoroso e appassionato sul divino e sul ruolo che esso ha nella vita di ogni singola persona. La ricerca è dentro di noi, siamo il contenitore e il contenuto, l’artista e l’opera d’arte, Dio e il bisogno del divino.

Presentazione corso:

Il metafisico o il misticismo cammina di pari passo con la fisica quantistica.

La fisica quantistica, la fisica in generale si è occupata della materia, va bene, e poi scavando all’interno della materia è arrivata all’estremamente sottile.

A quel punto lì ecco che misticismo e metafisica, perché metafisica significa oltre la fisica o fisica quantistica perché le due cose poi finiscono per coincidere, si incontrano.

Il che significa, detto in parole molto semplici, spirito e materia sono la stessa cosa, sono due aspetti di una stessa cosa e questa stessa cosa si chiama vibrazione.

Allora, a fondamento di tutto c’è la vibrazione.

La vibrazione non ha attributi. Cosa potete dire? Che è larga, che è estesa, che è bella, che è brutta… è un “io sono” la vibrazione e io sono quello.

Il nostro io non è un campo energetico concentrato in una forma.

Noi siamo forma? L’oceano è l’onda? Noi siamo il corpo?  Io faccio, io dico, io invento, io scopro, io amo, io odio… non sono io che faccio tutto questo, tutto questo viene fatto attraverso di me, da chi? Dall’IO totale.

Possiamo noi dire io non respiro più? Possiamo farlo? Se il tutto è dettato dal nostro ego, siamo così potenti!

Proviamo no a dire “io non respiro più”.

Sono io a decidere di fare tutto questo o c’è qualcos’altro che agisce attraverso di me?

Non ci poniamo mai la domanda dell’IO SONO?

C’è qualcosa dietro di me che fa tutto questo?

Tutto quello che avviene agisce attraverso di noi e la cosa stupenda, incredibile, difficilmente assimilabile, è che ciascuno di noi è contemporaneamente agente e agito, osservatore e osservato, padre e figlio, seme e albero, individuo singolo e contemporaneamente tutto.

Siamo per così dire tutto è il contrario di tutto…contemporaneamente.

Autore del videocorso: Vittorio Marchi

Insegnante di Fisica e ricercatore, è nato a Roma il 30 luglio 1938.

Negli anni della sua maturità, 1968, ha conosciuto l’ingegnere compagno di stanza e di studi di Enrico Fermi, alla Normale di Pisa.

E’ stata la svolta della sua vita, il cui “cursus honorum” ha preso una direzione extra-accademica. Egli è stato infatti spettatore di fenomeni, che lo hanno reso responsabile dello sviluppo, della diffusione e della comunicazione delle potenzialità della macchina umana; capacità che sono di gran lunga superiori a quelle delle macchine, pur fantastiche, dell’attuale tecnologia moderna.

Da molti anni ha orientato i suoi studi e le sue indagini scientifiche verso il tema dello spirito, oggetto di discussione delle sue numerose pubblicazioni e dei suoi frequenti incontri con autorevoli personalità del mondo delle scienze e della cultura.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “La vertigine di scoprirsi Dio”